• +41 91 911 6000
  • info@parrocchiacarona.ch

Manifestazioni

Un centinaio di partecipanti alla Festa della Madonna d’Ongero

Alla presenza di un centinaio di partecipanti si è conclusa la Festa della Madonna d’Ongero del 2017. In considerazione delle forti piogge del mattino domenicale, il parroco don André Jerumanis ha deciso di non svolgere la processione in particolare per il fatto che tutta la via crucis era ancora largamente bagnata e scivolosa, ciò che creava un forte rischio in particolare per chi avrebbe portato a spalla la statua della Madonna e il suo pesante baldacchino.

Tutti si sono quindi spostati sotto i comodi gazebo dove hanno potuto consumare un pasto a base di hamburger fatti con ingredienti naturali e freschi. C’erano hamburger di carne, pesce e addirittura vegani. Inoltre per i più sfiziosi sono stati preparati filetti di salmone e manzo. Tutti i cibi caldi sono stati preparati sulla griglia.

Un grande grazie va quindi a tutti i collaboratori che hanno contribuito al successo si questa edizione un po’ bagnata, ma sicuramente riuscitissima e che ha riscosso il consenso di tutti i partecipanti che non si sono lasciati intimorire da un po’ di pioggia.

 

Concerto dell’ensemble Greenleeves

Domenica 17 settembre 2017 dalle 15:30 si terrà il concerto dell’ensemble Greeinleeves nell’ambito della rassegna dei concerti nei luoghi energetici del Ticino. Si esibiranno Sandra EBERLE (violino, viella, voce), Amalia FELICE (flauti dolci), Consuelo GRABANI (percussioni, voce) e Paolo TOMAMICHEL (liuto medievale, liuto rinascimentale, out, bouzouki, voce).

Festa della Madonna d’Ongero 2017

La tradizionale festa della Madonna d’Ongero, da sempre celebrata la seconda domenica di settembre, si tiene quest’anno domenica 10 settembre 2017 nella sua formula “concentrata”, adottata già da due anni, per permettere a tutti di seguire in un tempo adeguato la Messa con la sua Processione gustando poi i piatti preparati dagli organizzatori.

Quest’anno si potrà in particolare ammirare il nuovo splendore a cui è stata restituito il Santuario, dopo gli importanti lavori di restauro compiuti nel 2016 e in parte anche nel 2017 (restauro di alcuni affreschi interni, gravemente intaccati dall’umidità di risalita dai muri). In questo modo il grosso dei lavori di restauro di questa chiesa di Carona è terminato.

Il pranzo prevede quest’anno una piccola novità culinaria, nel senso che è incentrato su prodotti grigliata sul momento sotto la sapiente cura del persona del Ristorante la Sosta, ed in particolare del gerente Jörg Deubner e del suo chef Ettore. Pur mantenendo i prezzi come sempre ad un livello popolare, sono stati previsti alcuni piatti un po’ più cari, con l’obiettivo di poter comunque raccogliere i fondi necessari per le cure e le manutenzioni annuali del Santuario.

Legna gratuita per i parrocchiani

Offerta speciale

In concomitanza con l’inizio dei lavori di pulizia attorno al Santuario della Madonna d’Ongero in vista della festa del 10 settembre 2017, una nutrita squadra di volontari ha provveduto al taglio di alcuni alberi morti nella zona in cui si terrà la festa, per dare maggiore sicurezza a tutti i partecipanti. Nelle prossime settimane diversi alberi lungo il percorso della processione verranno tagliati dalle AIL (Aziende industriali di Lugano).

Nel frattempo è possibile recarsi con i propri mezzi a prelevare con moderazione della legna in parte tagliata. Ci si può rifornire gratuitamente, ma chiediamo a chi lo fa di gentilmente ricordarsi di mandare sul conto della Parrocchia di Carona un piccolo contributo, in particolare per i restauri della Madonna d’Ongero.

Festa del Santuario della Madonna d’Ongero – preparativi già in corso

Domenica 10 settembre 2017 si terrà la tradizionale festa del Santuario della Madonna d’Ongero di Carona. In vista della festa la Parrocchia di Carona chiede ai suoi parrocchiani di mettersi a disposizione per qualche ora nelle settimane che preparare la Chiesa e i suoi dintorni, dandole il conveniente decoro. Ogni tipo di aiuto è ben accetto, anche se in particolare servono attrezzi di giardinaggio e qualche veicolo per il trasporto di pesi (soprattutto legna di alcuni vecchi castagni morti che devono essere abbattuti per la sicurezza di chi sarà presente alla festa).

Ci si può annunciare al Consiglio parrocchiale di Carona, scrivendo un email (info@parrocchiacarona.ch).

 

Benvenuto Mgr. Miguel!

È ritornato tra noi Mgr. Miguel OLAVERRI, vescovo di Pointe Noire in Congo, che ci gratifica della sua presenza per il terzo anno consecutivo. Quest’anno Mgr. Miguel resterà con noi solo alcuni giorni per un’occasione speciale: la prima visita pastorale a don Fabrice, nostro nuovo aiuto-parroco. Potete incontrare Mgr. Miguel alle messe di venerdì 11 Agosto ore 7 al Santuario della Madonna d’Ongero e sabato 12 Agosto alle 17 nella Chiesa principale di Carona.

Festa nazionale svizzera a Carona

Alla presenza di un folto pubblico si è tenuta la tradizionale festa popolare organizzata dalla Parrocchia di Carona, per commemorare il natale della Patria. Presente anche la Municipale di Lugano, Cristina Zanini Barzaghi, che ha tenuto l’allocuzione e portato il saluto della città ai presenti.

Il momento più emozionante è stato indubbiamente e come sempre l’accensione del falò sulle note dell’inno nazionale svizzero.

Particolarmente gradita la presenza di giornalisti della testata “20Minuti” che hanno poi usato la foto della piazza gremita di Carona per parlare del senso dei festeggiamenti, allorquando un comune su 8 in Svizzera ha rinunciato ai festeggiamenti (leggete qui l’articolo).

Festa del Primo Agosto sul sagrato di Carona

Martedì 1° agosto 2017 ricorre il natale della Svizzera, fondata 729 anni orsono, da popoli fieri, liberi ed indipendenti, attaccati al loro territorio, alla loro cultura e alla loro religione. Ogni anno, come da immemore tradizione, festeggiamo sul sagrato di Carona l’anniversario della Patria, con buona cucina, ottime libagioni, gelati, i biscotti della patria, la sfilata dei lampioncini, il falò e fuochi d’artificio.

Quest’anno, in occasione dei festeggiamenti per il 60° del parco San Grato, la Parrocchia allestirà uno stand vicino alla villa Giussani, dove offrirà un bicchiere di benvenuto a tutti i passanti, offrendo poi loro l’occasione di venire la sera a gustare anche un aperitivo offerto.

Vi segnaliamo che anche per questa manifestazione l’apprezzato nostro pasticciere Gianluca MOLLO ha preparato un’altra delle sue creazioni, che verranno vendute per finanziare i restauri interni delle chiese di Carona.

Festa di Santa Marta

Domenica di festa alla Chiesa di Santa Marta. Per tre ragioni: la prima perché oggi è la festività di Santa Marta, che dà il nome all’Arciconfraternita proprietaria della Chiesa (che in realtà è dedicata ai Santi Pietro e Paolo).

La seconda è legata ai restauri esterni in corso alla chiesa di Santa Marta, che si sono quasi conclusi. Il pubblico accorso ha potuto notare i colori sgargianti con i quali si presenta la facciata della Chiesa, del tutto simili a quelli della chiesa principale, risultato di un più ampio restauro compiuto nell’800 a tutte le chiese di Carona. Ancora pochi dettagli mancano, ma la chiesa è ritornata al suo splendore. L’assemblea dell’Arciconfraternita ha da poco deliberato di dare inizio alla fase di restauro interno, che – sia per costi sia per tempi – occuperà l’Arciconfraternita per ancora qualche anno.

La terza ragione di festa è legata alle nuove nomine avvenute in seno all’Arciconfraternita, comunicate ai fedeli al termine della Messa. Infatti il presidente Andrea Toscani, che per 4 anni ha diretto con perizia e cautela la confraternita ha ceduto il timone ad Ares Bernasconi, che la dirigerà per i prossimi 4 anni. Andrea Toscani resta nel consiglio direttivo come vice-presidente. Al loro fianco i membri don André Jerumanis (supplito in caso di assenza da don Fabrice Nsemi), Romana Sabbadin e Stelio Benincasa. Al nuovo presidente giungano i migliori auguri di buon lavoro da parte del Consiglio Parrocchiale di Carona

Don Fabrice è arrivato tra noi!

Il 14 luglio 2017 don Fabrice è finalmente arrivato tra noi, dopo un lungo viaggio compiuto con Luca Guidicelli, che si è recato in Congo per curare i suoi progetti sociali legati alla Fondazione Buon Samaritano Svizzera Congo, tra i quali figura anche l’impegno preso di portare proprio don Fabrice nelle nostre Parrocchie, per sostituire don André durante le sue assenze, ma anche per formarsi alla Facoltà di Teologia di Lugano, dove nei prossimi anni conseguirà la licenza e poi il dottorato in teologia.

Don Fabrice intende venire a visitare tutti coloro che si sono impegnati per sostenere la sua borsa di studio. Si presenterà ai suoi benefattori portando con sé un prezioso dono dal suo Congo!

1